Parto cesareo

Parto cesareo:
come avviene

Il parto cesareo è un vero e proprio intervento chirurgico: consiste nell’incisione dell’addome e dell’utero e viene effettuato in sala operatoria, non in sala parto. Oggi è svolto con l’epidurale, ma in casi urgenti si ricorre anche all’anestesia totale.

Si tratta di un’operazione inevitabile qualora si dovessero presentare complicazioni che possano creare danni alla madre o al bambino:

  • il bacino della mamma è troppo stretto o il bambino è troppo grosso per passare;
  • presenza di cisti ovariche;
  • placenta previa;
  • patologie del bambino (come diabete o ritardi nella crescita) e della madre;
  • sofferenza fetale o parto gemellare.

(Fonte: Ministero della Salute )

In Italia, il ricorso al taglio cesareo è in continuo aumento: si è passati dall’11% del 1980 al 38% del 2008, ben al di sopra dei valori rilevati negli altri paesi europei. Nella maggior parte dei casi (quasi il 50%) sulle schede di dimissione non è nemmeno indicato il motivo del parto cesareo.

Il Sistema nazionale per le Linee Guida dell’Istituto Superiore di Sanità (SNLG-ISS) ha elaborato delle indicazioni sul taglio cesareo, con l’obiettivo di migliorare la comunicazione tra le donne e gli operatori sanitari e favorire scelte consapevoli e condivise sul parto.

Lo sapevi che?

Si parla di placenta previa quando anziché essere inserita sul fondo o sulle pareti laterali dell’utero, la placenta si trova nella parte bassa, troppo vicina o addirittura sopra la cervice.

 In questo modo ostruisce il canale del parto e la nascita avviene con un cesareo.

Tale condizione si verifica raramente, in circa una gravidanza su 200.